Ultimi aggiornamenti:
ESATTO 2004 rel. 6.8.2 | E/STUDIO rel. 2.7.12.1 | E/Ready 2.7.0
FAQ | Frequently Asked Questions
COME SI INSTALLA IL CD DI AGGIORNAMENTO CHE HO RICEVUTO?
COME FACCIO AD EMETTERE LE RICEVUTE BANCARIE?
QUALI SONO LE OPERAZIONI DA ESEGUIRE PER AZZERARE LA NUMERAZIONE D.D.T., FATTURE, ORDINI, IMPEGNI, CORRISPETTIVI , PROTOCOLLI AD INIZIO ANNO?
QUALI SONO LE OPERAZIONI DA FARE PER IL CAMBIO ESERCIZIO COMAG?
QUALI SONO LE OPERAZIONI DA FARE PER IL CAMBIO ESERCIZIO COGE?
QUALI SONO LE OPERAZIONI DA FARE PER IL CAMBIO ANNUALE DELL'ESERCIZIO IVA?

COME SI INSTALLA IL CD DI AGGIORNAMENTO CHE HO RICEVUTO?
1. Eseguire tutte le copie interne dal menu servizio-gestione copie.
2. Copiare la cartella Esatto che si trova in C:\ (questo serve nel caso la procedura di aggiornamento non vada a buon fine, per ritornare comunque a lavorare con la vecchia versione).
3. Inserire il CD di aggiornamento (che Vi è stato spedito in busta); il CD si dovrebbe avviare da solo, se ciò non dovesse accadere, eseguire i seguenti comandi: " Dal desktop lanciare risorse del Computer " Fare doppio click con il mouse sull'icona del CD esatto 2004. " Il CD si avvia e fa apparire un menu.
4. Dalla finestra che Vi appare selezionare il primo menu: Conversione da rel…..
5. Seguire le istruzioni a video
6. Lanciare il programma SW6x6y (dove x è il numero della vecchia versione e y è il numero della nuova versione) che si trova nel menu di ESATTO2004 (Start o Avvio - Programmi - esatto 2004 - SW6x6y)
7. Selezionare conversione archivi e selezionare solo la/le Vs. azienda/e.
8. Dopo la conversione degli archivi ritornare nel menu iniziale e lanciare il secondo menu: esatto 2004.
9. Installare esatto 2004 seguendo le indicazioni a video
10. E' possibile tralasciare l'ultimo punto dell'installazione Gestione Documenti e rispondere NO alla domanda.
11. Aprire esatto 2004 e selezionare il menu SERVIZIO-Utilità-Chiave di attivazione inserendo solo la nuova chiave che avete ricevuto insieme al cd.
12. Operazione di aggiornamento conclusa.

torna su

COME FACCIO AD EMETTERE LE RICEVUTE BANCARIE?
Il programma di emissione delle ricevute bancarie è strutturato in due fasi:

• Creazione della distinta effetti da presentare.
• Emissione degli effetti da presentare.

Creazione della distinta effetti.
1. Aver eseguito l'elaborazione delle fatture che permette l'aggiornamento dello scadenzario e la creazione degli effetti da emettere (menu Geve-elaborazione fatture).
2. Fare una copia interna (menu Servizio-Gestione copie).
3. Entrate nel menu Geve-Distinta effetti.
4. Inserire la banca, la data di presentazione , scegliere il tipo di emissione(importante); scegliere il tipo di valuta (si ricorda che se la mia valuta di conto è EURO lascerò libera la casella).
5. Scegliere l'importo degli EFFETTI da presentare. Se presento tutti gli effetti disponibili (il cui importo è evidenziato sulla sinistra) è sufficente cliccare sul tasto freccia.
6. Scegliere la data di scadenza massima per la quale intendo presentare gli effetti in banca.
7. Inserire il conto del piano dei conti dove registrare la distinta contabilizzata (in genere è il conto SBF della banca dove presento la distinta).
8. Scelgo la causale di presentazione distinta (PE se si usano le causali definite dal programma).
9. Scelgo il tasto compila distinta.
10. Dopo aver verificato la compilazione della distinta clicco sul tasto nuovo in alto a destra.
11. Appare un messaggio di scelta di stampa/contabilizzazione distinta.
12. Rispondere SI.
13. Appare la maschera di scelta numero copie.
14. Scegliere se si desidera anche la P.IVA del cliente in distinta (ricordiamo che in distinta non è ancora obbligatorio inserire la P.IVA del cliente ma è obbligatorio averla nel tabulato o nel file su floppy o per romote banking e questo il programma lo esegue già).
15. Scegliere se si desidera avere anche il numero del documento del cliente in distinta.
16. Dare OK.
17. Scegliere la stampante.

Emissione degli effetti.
1. Entrare nel menu Geve-Emissione effetti e mettere il pallino su definitiva.
2. Scegliere il tipo di emissione andando a mettere unicamente il pallino sull'emissione scelta in precedenza durante la compilazione della distinta effetti definitiva (si ricorda che se la distinta è stata creata in prova, il programma non funziona); (il programma non funziona anche nel caso che si sia scelta in distinta effetti una emissione diversa da quella che ho selezionato in emissione effetti: es. se durante la creazione della distinta effetti ho selezionato stampa effetti e in emissione effetti ho selezionato stampa tabulato, il programma mi darà il messaggio che non esistono distinte per l'emissione scelta).Cliccare su seleziona distinta e scegliere la distinta.
3. Scegliere la stampante o inserire il floppy o scegliere il percorso per il salvataggio del file.

torna su

QUALI SONO LE OPERAZIONI DA ESEGUIRE PER AZZERARE LA NUMERAZIONE D.D.T., FATTURE, ORDINI, IMPEGNI, CORRISPETTIVI , PROTOCOLLI AD INIZIO ANNO?
Ricordiamo che eseguendo le operazioni di azzeramento non sarà più possibile rivedere e quindi ristampare dal programma i documenti dell'esercizio precedente e quindi si consiglia di duplicare l'azienda prima di eseguire le operazioni. Per duplicare l'azienda si entra nel menu Servizio-Scelta/Nuova Azienda e scegliere duplicazione azienda.
1. Accertarsi di aver finito di emettere D.D.T. fatture, ecc.
2. Fare una copia interna (menu Servizio-Gestione copie).
3. Entrare nel menu Archivi-Azienda-Progressivi numerazione.
4. Scegliere il tipo di documento che si vuol azzerare inserendo il puntino nello spazio richiesto.
5. Selezionare il tasto successivo (la freccia blu verso destra) che si trova in alto sotto la barra dei menu.
6. Verificare che nel campo compaia l'ultimo numero effettivo di documento emesso per il tipo di documento selezionato.
7. Selezionare il tasto elimina (figura del bidoncino) che si trova il alto a sinistra sotto la barra dei menu.
8. Rispondere SI alla domanda se si vuole eliminare dall'archivio….
9. Eseguire l'operazione per tutti gli altri tipi di documento che si vuol azzerare, uscendo e rientrando dalla maschera (menu Archivi-Azienda-Progressivi numerazione).
10. Dopo aver completato l'azzeramento dei documenti selezionare il menu Servizio-Manutenzione archivi.
11. Scegliere l'archivio dei documenti da compattare:

• Fatture di vendita = TFATTU
• D.D.T. = TBOLLE
• Ordini/Impegni = ORDINI
• Fatture di acquisto = TFATAQ
• D.D.T. di acquisto = TBOLAQ

È possibile anche selezionare contemporaneamente più archivi. 12. Selezionare il tasto COMPATTAMENTO.
13. Rispondere alle domande richieste per ogni archivio scelto: generalmente viene richiesta la data fino a quando eseguire il compattamento.
14. Dopo aver risposto a tutte le domande si ritorna alla maschera iniziale e bisogna clikkare sul tasto OK.
15. Scegliere la stampante o il salvataggio su file (consigliato) delle eventuali anomalie che verranno riscontrate nella fase di compattamento.
16. Chiudere tutte le maschere che si presentano ed uscire dalla maschera di manutenzione archivi.
17. Per verificare che il compattamento abbia avuto successo, entrare nei vari programmi di emissione documenti e verificare selezionando il tasto precedente che si abbia la risposta: "archivio vuoto" (nel caso degli ordini/impegni non si avrà la risposta "archivio vuoto" ma dovranno risultare in essere solo gli ordini/impegni inevasi o parzialmente evasi. Es.: manu Geve-Gestione bolle. Se non ho la risposta di archivio vuoto ma vengono visualizzati D.D.T. dell'esercizio precedente significa che sono D.D.T. non ancora fatturati. Se per le fatture avviene la stessa cosa significa che sono fatture non ancora elaborate. Ricordiamo inoltre che non ha alcun effetto sulla stampa di qualsiasi bollato fiscale il procedimento di azzeramento e che non vi è l'obbligo di stampare definitivamente alcun bollato fiscale.

torna su

QUALI SONO LE OPERAZIONI DA FARE PER IL CAMBIO ESERCIZIO COMAG?
Ricordiamo che dopo aver effettuato l'operazione di cambio esercizio COMAG non sarà più possibile rivedere e richiamare i movimenti di magazzino dell'esercizio vecchio.
1. Accertarsi di aver terminato l'inserimento di movimentazioni per l'esercizio da chiudere.
2. Fare una copia interna (menu Servizio-Gestione copie).
3. Stampare l'inventario (menu Comag-Inventario) attribuendo la valutazione fiscale che si ritiene opportuna.
4. Stampare le schede articoli in maniera definitiva (menu Comag-Stampa schede articoli) flaggando il campo di fine esercizio e dando come data limite la data di chiusura dell'esercizio. (Ricordiamo che la stampa può essere salvata su file e stampata successivamente, visto anche le dimensioni del file per aziende che gestiscono una quantità enorme di articoli).
5. Storicizzare le statistiche (menu stat-Generazione archivio) generando l'archivio storico fino alla data di chiusura dell'esercizio.
6. Eseguire il cambio di esercizio (menu Comag-Cambio esercizio Comag) seguendo la maschera che si presenterà (la data da inserire sarà la data del giorno seguente alla chiusura dell'esercizio; es. se chiudo l'esercizio il 31.12.00 la data da inserire sarà 01.01.01).
7. Compattare i movimenti di magazzino (menu Servizio-Manutenzione archivi) selezionando solo l'archivio MOVMAG e scegliendo COMPATTAMENTO. Vi apparirà una maschera dove andrete a flaggare FINE ESERCIZIO e automaticamente il programma vi proporrà la data di chiusura dell'esercizio preso in considerazione.
8. Selezionare OK.
9. Si ritornerà nella maschera iniziale e selezionare OK.
10. Lascia eseguire il programma.
11. Chiudere tutte le maschere (generalmente sono tre).
12. Per verificare che il compattamanto abbia avuto successo, stampare una scheda articoli (menu Comag-Stampa scheda articoli) e verificare che non ci siano più i movimenti dell'esercizio chiuso.
Ricordiamo inoltre che non ha alcun effetto sulla stampa di qualsiasi bollato fiscale il procedimento di compattamento e che non vi è l'obbligo di stampare definitivamente alcun bollato fiscale.

torna su

QUALI SONO LE OPERAZIONI DA FARE PER IL CAMBIO ESERCIZIO COGE?
Il cambio esercizio COGE permette di eseguire in maniera automatica la chiusura dei conti patrimoniale ed economici, l'apertura dei conti patrimoniali e la registrazione dell'utile/perdita dell'esercizio.
1. Fare una copia interna (menu Servizio-Gestione copie)
2. Stampare un bilancio contabile (menu Coge-Bilancio contabile) selezionando i criteri che vengono ritenuti opportuni (con compensazione, con conti di riepilogo, ecc.). Si ricorda che dopo le operazioni di cambio esercizio non sarà più possibile stampare un bilancio dell'esercizio precedente.
3. Creare le situazioni contabili dei mesi ai fini del bilancio IV Direttiva C.E.E. (menu Coge--Bilancio Cee-Crea situaz. Contab.) per ogni mese, almeno fino al mese di chiusura di esercizio (questa operazione si può evitare se non si è interessati alla gestione del Bilancio CEE).
4. Procedere con il cambio esercizio (menu Coge-Cambio esercizio Coge) inserendo:

• Data di chiusura (è la data in cui comparirà la chiusura sul libro giornale con competenza 31.12.xx, dove xx è l'anno dell'esercizio precedente).
• Verificare che i conti presi in considerazione siano corretti (se l'esercizio chiude con una perdita, cambiare il conto dell'utile che viene proposto, con quello della perdita).
• Data di apertura (è la data con cui si intende aprire i conti del nuovo esercizio).
Es.: scelgo la data del 01.01.01 in data di chiusura per chiudere l'esercizio al 31.12.00. In questo caso quando stamperò il libro giornale di Gennaio avrò i movimenti di chiusura in data 01.01.01 ma con competenza 31.12.00 e quindi i mastrini che stamperò riporteranno i movimenti con data 31.12.00. Scelgo la data del 01.01.01 in data di apertura per aprire i conti dell'esercizio che comincia il 01.01.01. Quando stamperò il libro giornale di Gennaio avrò i movimenti di apertura in data 01.01.01 e i mastrini che stamperò riporteranno i movimenti con data 01.01.01.

5. Dopo il messaggio di elaborazione completata la procedura è terminata.
6. Per verificare che la chiusura ed apertura dei conti sia andata a buon fine, si consiglia di stampare un bilancio contabile (menu Coge-Bilancio contabile) e verificare che i conti patrimoniali siano corretti. Ricordiamo inoltre che non ha alcun effetto sulla stampa di qualsiasi bollato fiscale il procedimento di cambio esercizio coge e che non vi è l'obbligo di stampare definitivamente alcun bollato fiscale.

torna su

QUALI SONO LE OPERAZIONI DA FARE PER IL CAMBIO ANNUALE DELL'ESERCIZIO IVA?
Ricordiamo che il cambio esercizio IVA è obbligatorio e viene effettuato al termine di ogni anno solare. Questo permette di aggiornare gli archivi portando il Credito/Debito IVA dell'anno precedente su quello nuovo ed azzera tutti i progressivi IVA dell'anno precedente.
1. Fare le copie interne (menu Servizio-Gestione copie).
2. Accertarsi di aver stampato in maniera definitiva su bollato tutti i registri IVA (acquisti, Vendite, Corrispettivi, ecc.) (menu Coge-Registri IVA) fino al mese di Dicembre dell'anno preso in considerazione per la chiusura.
3. Accertarsi di aver stampato in definitiva su bollato le liquidazioni IVA fino a quella del mese di Dicembre dell'anno preso in considerazione per la chiusura (menu Coge-Liquidazioni IVA).
4. Stampare (o su bollato o su foglio normale) la liquidazione del periodo 13 annuale che riepiloga tutta la movimentazione delle liquidazioni IVA (menu Coge-Liquidazioni IVA) inserendo 13 nel periodo proposto (se si è stampato in maniera definitiva la liquidazione di Dicembre, viene proposto in automatico il periodo 13) 5. Azzeriamo il periodo IVA dell'anno precedente per cominciare quello nuovo (Coge-Azzeramento IVA) Ricordiamo inoltre che è indispensabile aver stampato in maniera definitiva su bollato tutti i registri IVA e la liquidazione IVA fino al mese di Dicembre dell'anno solare che si intende chiudere prima di procedere all'azzeramento IVA.

torna su
© 2007 | ASE srl |
Area Riservata